BANDI PER LA CRISI

Gentili Clienti

Vi scrivo in riferimento all’avviso pubblico Legge 236per la realizzazione di progetti formativi a sostegno di situazioni di crisi occupazionali per aziende di medie e grandi dimensioni, che vi allego

Dell’importo stanziato pari a euro 1.000.000,00 sembra che ad oggi siano ancora disponibili risorse pari a poco meno della metà.

 

L’avviso, con presentazione a sportello fino ad esaurimento risorse, ad oggi prevede la scadenza del 31/12/2014.

 

Vi do alcune ulteriori indicazioni in merito ai requisiti per la presentazione dei progetti:

  1. Il Soggetto Presentatore del progetto è l’azienda.

 

  1. L’azienda che presenta deve essere di medie/grandi dimensioni (> 50 addetti) ed avere sede legale e/o operativa nel territorio della regione Marche

 

  1. L’azienda può appartenere a qualunque settore produttivo

 

  1. L’azienda deve aver attivato nei confronti dei propri dipendenti procedure di CIGO o CIGS ma NON IN DEROGA, infatti l’avviso dice: “… che non rientrano nell’applicazione dell’Accordo Stato-Regioni del 12/02/2009, ne dei successivi accordi nazionali e regionali, che prevedono l’utilizzo degli ammortizzatori sociali in deroga”

  1. I progetti devono consentire di aggiornare e riqualificare i lavoratori sia in vista di una ripresa a pieno ritmo dell’attività produttiva, sia di un’eventuale modifica delle produzioni, al fine di consentire alle imprese di rimanere efficacemente sul mercato, mantenendo così almeno i livelli di occupazione pre-crisi . Quindi NON POSSONO USUFRUIRE DI FINANZIAMENTO le aziende in concordato o che stanno chiudendo. Ciò non toglie il fatto che la formazione serve ai lavoratori per accrescere le loro competenze per un’eventuale migliore spendibilità delle stesse nel mercato del lavoro.

  1. Risorse Finanziarie: se l’azienda opta per il regime de minimis l’importo massimo compreso il cofinanziamento è di 200.000,00. Se l’azienda opta per il regime di esenzione l’importo massimo finanziabile comprensivo di cofinanziamento è di 400.000,00. Ogni azienda può presentare al massimo n. 3 progetti e non potrà beneficiare di un finanziamento pubblico complessivo superiore di 400.000,00

  1. I destinatari sono lavoratori delle imprese beneficiare con contratto di lavoro a tempo indeterminato o determinato. Sia con contratto di lavoro a tempo pieno che part time. In caso di tempo determinato, il riconoscimento delle spese relative alla formazione avverrà in caso di trasformazione, a termine dell’attività formativa, del rapporto di lavoro a tempo indeterminato, anche a tempo parziale.

 

  1. L’intervento formativo deve articolarsi in uno o più corsi, ciascuno della durata compresa tra 36 e 100 ore (dovranno essere prodotti tanti codici siform quante azioni previste nel piano formativo aziendale). Per ogni azione formativa max 15 allievi

 

  1. Il costo ora allievo massimo consentito per progetto  o progetti presentati è di 9,50 €

 

  1. Al progetto formativo dovrà essere allegato un accordo aziendale, tra l’azienda e le parti sindacali, da redigersi sotto forma di Piano Formativo Aziendale nel quale esplicitare: l’analisi dei fabbisogni formativi interni, le figure professionali di cui si intende attivare il percorso e la valutazione dell’efficacia attesa

 

 

Spero di avervi sintetizzato il tutto.

 

Massimo Giacchetti, che ci legge per conoscenza, e con il quale abbiamo discusso in merito all’Azienda Berloni, ci ha fornito alcuni nominativi di referenti territoriali da contattare eventualmente per valutare la presenza nei territori di riferimento di aziende con le caratteristiche sopra indicate e interessate alla formazione.

 

Questi i nominativi indicati da Massimo Giacchetti:

PESARO: Paolo Ferri

ANCONA: Luca Tassi

MACERATA: Primo Antonelli

ASCOLI/FERMO: Tonino Passeretti

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>